• Home
  • Notizie Scuola
  • Aetnanet.org

Aetnanet.org

AetnaNet Site
  1. Samuel Paty , 47 anni, padre di due bambini, era un insegnante di storia e geografia alla Scuola media di Conflans-Sainte-Honorine, nel nord di Parigi.
    Venerdì 16 ottobre, con un gesto premeditato e preparato su istigazione di alcuni adulti, è stato ucciso in modo orribile, decapitato, da un suo allievo perché aveva mostrato in classe le vignette di Charlie Hebdo sul grande profeta Maometto.
    Non è assurdo che al giorno d’oggi una persona, in Francia o in un altro Paese europeo, possa morire per la libertà? Si chiede Pietro Polito e se lo chiedono tutti gli uomini ben pensanti.
    Nell’era del Covid, sotto l’ombra nera del contagio che miete innumerevoli vittime, si può morire anche per la Libertà di opinione e di stampa.
    Il Presidente Macron ha commentato a caldo quest’orrendo assassinio, dicendo che l’insegnante è stato ucciso “perché insegnava la libertà di credere e non credere”.
    Paty, che amava il suo mestiere, inteso come professione perché “credeva a quel che faceva”, ha avuto il “il coraggio di insegnare la libertà”.

    Giuseppe Adernò
  2. PUBBLICATO AVVISO E ALLEGATO 

    Allegati:

    Download [AVVISO] 367 kB
    Download [SEDI ASSEGNATE ] 323 kB

    ct.usr.sicilia.gov.it
  3. Pubblicazione calendario
    Collegamento al sito Convitto Nazionale "Cutelli" di Catania: clicca qui

    Allegati:

    Download [Calendario] 155 kB

    ct.usr.sicilia.gov.it
  4. Regione Sicilia
    «Pochi mesi e una svolta attesa da anni sarà realtà: i treni arriveranno all'aeroporto di Catania. Grazie alla fermata ferroviaria di Fontanarossa, ormai quasi pronta, anche chi proviene da Messina, da Siracusa, da Enna, da Caltagirone, Caltanissetta, Catania e il resto della provincia, potrà recarsi a prendere l'aereo più agevolmente, senza auto. I binari sono sempre stati lì, bastava fare la stazione ma nessuno finora ci aveva lavorato. Finalmente il Governo Musumeci, assieme a Rfi e Sac, ha avviato la realizzazione di questo snodo fondamentale treno-aereo e dunque, già nel 2021, si realizzerà un salto di qualità verso la modernizzazione della mobilità nella Sicilia orientale".
    Lo ha dichiarato l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, nel corso del sopralluogo odierno al cantiere della futura Fermata ferroviaria Catania - Aeroporto Fontanarossa. Erano presenti il dirigente dell'Area Tecnica di Rete ferroviaria italiana Salvatore Leocata, l'amministratore delegato di SAC Nico Torrisi, il direttore ENAC per la Sicilia orientale Vincenzo Fusco, il direttore generale di Ferrovia Circumetnea Salvo Fiore.
    "Siamo molto soddisfatti che si stia finalmente completando questa importante opera - commenta l'amministratore SAC Torrisi. Ringrazio l'assessore Falcone, con il quale c'è piena sintonia su quello che è lo sviluppo dell'aeroporto e, naturalmente, ringrazio Enac che ci ha consentito di realizzare questa infrastruttura. Per noi, questo rappresenta un primo passo che anticipa quello che tra qualche anno vedrà arrivare la metropolitana al parcheggio Fontanarossa e sin dentro l'aeroporto, come accade in tutte le città moderne. E anche su questo c'è piena sintonia con l'amministrazione comunale, FCE e con tutti gli enti coinvolti. Per quanto ci riguarda, realizzeremo la strada che collegherà la nuova fermata di Rfi all'aerostazione, per consentire ai passeggeri di raggiungere, tramite navetta, facilmente l'aeroporto. Saremo pronti subito, anche perché abbiamo coinvolto l'Azienda metropolitana trasporti".
    "Come Enac - ha aggiunto il direttore Fusco - siamo particolarmente contenti di quest'opera, giunta quasi al termine, che rappresenta un passo concreto verso l'intermodalità".

    pti.regione.sicilia.it
  5. Pubblicazione dispositivo e rettifiche

    Allegati:
    Download [Dispositivo] 299 kB
    Download [Rettifiche] 70 kB


    ct.usr.sicilia.gov.it
  6. Il Ministero dell’Istruzione ha inviato oggi ai dirigenti scolastici una nota per accompagnare l’attuazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri approvato ieri. La nota è stata oggetto di una previa interlocuzione con i Sindacati di settore.
    Nulla cambia per la scuola dell’infanzia, la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. Le scuole secondarie di secondo grado potranno invece adottare, in caso di situazioni critiche o di particolare rischio comunicate dalle autorità sanitarie o dagli Enti locali, ulteriori forme di flessibilità della loro organizzazione, incrementando, ad esempio, il ricorso alla Didattica Digitale Integrata. Oppure modulando ulteriormente (rispetto a quanto già disposto da settembre) orari di ingresso e uscita delle alunne e degli alunni, anche attraverso l’eventuale utilizzo di turni pomeridiani. Nell’ambito di questa possibile ulteriore modulazione, le scuole predisporranno che l’ingresso avvenga non prima delle ore 9.00, come previsto dal Dpcm di ieri.
    Nessun automatismo, comunque: nuovi interventi sull’organizzazione scolastica avverranno, come già detto, solo in caso di situazioni critiche o di particolare rischio comunicate dalle autorità sanitarie o dagli Enti locali e attraverso la regia dei Tavoli regionali e locali con gli Uffici scolastici. Tavoli, questi ultimi, previsti dal cosiddetto “Piano Scuola” emanato lo scorso giugno e approvato anche dalle Regioni.
    Documenti Allegati
    Nota - DPCM 18 ottobre 2020. Adempimenti dell’amministrazione e delle istituzioni scolastiche

    miur.gov.it
  7. Regione Sicilia Attuazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 18 ottobre 2020 a parziale modificazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 13 ottobre 2020. Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-2019.

    Allegato: Visualizza l'Ordinanza 



    pti.regione.sicilia.it
  8. Avviso e allegati 

    Allegati:

    Download [AVVISO] 168 kB
    Download [DISPONIBILITA'] 294 kB
    Download [ALLEGATO EXCEL] 33 kB

    ct.usr.sicilia.gov.it
  9. La prima Comunità religiosa che ha risposto all’invito di Papa Francesco, il quale nell’Enciclica “Fratelli tutti” ha evidenziato la necessità di preparare un’adeguata accoglienza ai migranti che fuggono da guerre, persecuzioni e catastrofi naturali, è stata la Congregazione delle Suore Serve della Divina Provvidenza di Catania. Con spirito di servizio e di generosità, attraverso l’Elemosineria Apostolica, le Suore fondate nel 1921 dalla catanese Madre Maria Marletta, in coerenza al carisma di “accogliere i più bisognosi nelle “case famiglia”, hanno deciso di offrire a Papa Francesco, in comodato d’uso gratuito, il loro stabile in via della Pisana a Roma. La palazzina, che porta il nome di Villa Serena, diventerà una casa d’accoglienza per rifugiati, in particolare per donne sole, donne con minori, famiglie in stato di vulnerabilità, che giungono in Italia con i Corridoi Umanitari. La struttura potrà ospitare fino a sessanta persone e avrà principalmente lo scopo di accogliere i rifugiati nei primi mesi dopo il loro arrivo, per poi accompagnarli in percorsi di autonomia lavorativa e di alloggio. La casa d’accoglienza è stata affidata alla Comunità di Sant’Egidio, che sin dal 2015 ha aperto i corridoi umanitari per rifugiati siriani, africani, e provenienti dall’isola di Lesbo. Il cardinale Krajewski, Elemosiniere del Papa, ha elogiato «il grande atto di generosità e solidarietà delle Suore Serve della Divina Provvidenza di Catania».

    Giuseppe Adernò
  10. cutelli
    Come scriveva Alfred Stieglitz “nella fotografia c’è una realtà così sottile che diventa più reale della realtà stessa”, citazione che deve aver ispirato due alunne del Liceo Classico Europeo del Convitto Cutelli, ovvero Alice Turrisi di VC e Gloria Brancato di IVE, che giovedì 15 ottobre si sono aggiudicate il primo ed il secondo premio in ex aequo alla cerimonia di premiazione del concorso “Solidarietà: un colore… un senso… un volto… un gesto…”, organizzato dall’Associazione San Vincenzo de’ Paoli di Acireale. L’evento si è tenuto presso la Basilica di San Sebastiano della città, alla presenza del sindaco Stefano Alì, della presidente Adriana Vecchio e di un vasto pubblico, adeguatamente distanziato e immancabilmente con mascherina, che ha assistito interessato. Nel corso della cerimonia sono state mostrate le fotografie delle allieve dai titoli “Stiamo solo a guardare” (Alice Turrisi, primo premio), “ Un sorriso in Costa d’Avorio” (Alice Turrisi, secondo premio in ex aequo) e “Insieme si può” (Gloria Brancato, secondo premio in ex aequo) ed espresse le motivazioni dell’attribuzione del podio: sono state giudicate particolarmente efficaci, suggestive ed evocative, atte a mostrare squarci di realtà appunto così pregnanti e sfumate da esprimere, in quell’attimo fuggente, più significatività immediata della realtà stessa. Le giovani studentesse hanno ricevuto in premio due testi di fotografia e un attestato mentre al Convitto è stata regalata una targa-ricordo, un testo in tema di solidarietà e un mazzo di fiori alla prof.ssa Giusy Gattuso, che ha seguito ed accompagnato le ragazze e che guida e indirizza un gruppo di giovani studenti del Convitto Cutelli che coltivano l’arte e la letteratura e sono pronti a mettersi in gioco sperimentando la scrittura, la fotografia, il disegno e la produzione artistica personale in generale per avventurarsi nella mondo della creatività come motore per l’esplorazione del proprio mondo interiore.

    Prof.ssa Giusy Gattuso

Istituto Comprensivo “G. Galilei”
Via Umberto, 8 - 95035 Maletto (CT)

Recapiti Telefonici
+39 095/7720005 (Scuola Primaria e Secondaria I Grado)
+39 095/7720614 (Scuola dell'Infanzia)

Recapiti Telematici
E-Mail : ctic81200g@istruzione.it
E-Mail (PEC): ctic81200g@Pec.Istruzione.it

Informazioni Fiscali e Amministrativi
Codice Fiscale: 93032380870
Codice Meccanografico: CTIC81200G